IL  PRIMO  LIVELLO  DI  PREVENZIONE

Sensibilizzazione, Informazione, Formazione

Sensibilizzazione

Il primo livello di prevenzione consiste nella  promozione di situazioni che possono fornire agli individui le conoscenze, le competenze e le abilità sociali che portano gli individui a relazioni pacifiche, produttive e formative sia verso di sé che verso il prossimo. Questa attività dovrebbe essere svolta a livello sociale e culturale

Informazione:

La parola identifica la fase del ragguaglio con lo scopo di indirizzare secondo determinati dettami. Il significato corrente è quello di dare notizie, e da un punto di vista relazionale presuppone un rapporto con il gruppo, e non consente di approfondire nessuna interazione tra singoli. In questa fase preliminare l’obiettivo di chi sa’ è quello di creare o acuire una curiosità verso un nuovo apprendimento, fornendo anche le coordinate teoriche per accedere a questa nuova conoscenza. L’informare equivale quindi a piantare un seme e presuppone una struttura comunicativa basata sui perché così da elicitare la curiosità verso ciò che è nuovo e fornire quindi ai singoli la spinta iniziale per affrontare il cambiamento insito in ogni novità.

Obiettivo:   passare dalla incompetenza inconsapevole (mediocrità) alla incompetenza consapevole. (nessuna possibilità di controllo dell’effetto)

Formazione:

Il termine identifica la fase in cui maturano le facoltà psichiche ed intellettuali grazie allo studio ed all’esperienza. Infatti la fase della formazione ha come fine quello di coniugare addestramento ed informazione e di consolidare una esperienza. Il processo formativo permette di rendere semplici e soprattutto automatiche determinate modalità operative. Questo risultato si ottiene radicando nel soggetto specifiche convinzioni e valori così da ottenere come ovvio, naturale e soprattutto congruente uno specifico comportamento. In termini relazionali, nel momento formativo l’esperto deve gestire all’interno comunque del gruppo, rapporti mirati con i singoli così da favorire una maturazione che è propria di ogni soggetto. La struttura comunicativa deve raggiungere la cosiddetta “struttura rotonda” di ognuno cosi da potere codificare la convinzione secondo linguaggi che i singoli sono in grado di intendere non solo secondo logica, ma anche secondo sentimenti ed emozioni.

Obiettivo:  dalla incompetenza inconsapevole alla competenza inconsapevole (padronanza). Esercitazioni, feedback, follow-up.

 

DESTINATARI

I corsi sono rivolti a genitori (e figli), operatori di contesti educativo-assistenziali di ogni tipo e livello, in sintesi agli ADULTI, e quindi a tutti coloro ai quali è utile, e che desiderano, acquisire strumenti per una migliore e più efficace gestione delle relazioni.

PERCHE’ PARTECIPARE

I disagi e i problemi esistenziali possono essere considerati come prodotti umani, e quindi costruzioni che hanno a che fare con gli aspetti della vita sociale, come il ciclo vitale della famiglia con le sue tappe scandite dalle unioni e dalle separazioni, dalle nascite, dalle morti, dalle vicende che caratterizzano la storia della famiglia, come in una continua ricerca, a volte drammatica, di un equilibrio tra due tendenze: da una parte vi è la necessità di mantenere l’identità personale all’interno dell’identità della coppia e della famiglia, attraverso la stabilità; dall’altra parte vi è la necessità di cambiare in rapporto alla crescita e alla maturazione, e quindi il bisogno di individuarsi, di liberarsi da relazioni simbiotiche e confusive, dove la reciproca attribuzione di ruoli è irreale, e quindi rigida e illusoria.

In queste attività formative ciascun partecipante viene guidato ad incrementare la propria capacità di osservazione e rilevazione di comportamenti disfunzionali nell'ambito del proprio gruppo-contesto, così che può attualizzare tale acquisizione e trasferirla nella propria realtà, e produrre efficaci e significativi cambiamenti.

Pertanto la partecipazione a queste attività rende gli individui capaci di meglio gestire le proprie relazioni con il prossimo, sia nei contesti privati che in quelli professionali.


Copyright :  evolution@psicovi.com